Lo Spi-Cgil dell’Emilia-Romagna esprime una condanna ferma degli atti vandalici compiuti la notte scorsa contro la Camera del lavoro di Imola e contro la locale sede dell’Associazione dei partigiani.
Queste azioni non devono assolutamente essere sottovalutate perché rientrano in un clima di giustificazione del fascismo, la spietata dittatura responsabile di tanti danni e tante vittime nel nostro Paese. Sono passati quasi tre mesi dalla devastazione compiuta alla sede della Cgil nazionale e dello scioglimento di Forza Nuova e delle altre organizzazioni dichiaratamente neofasciste non si sa più nulla. Torniamo a chiedere l’applicazione della legge ed esprimiamo piena solidarietà ai compagni e alle compagne di Imola.
Di seguito il comunicato della Segretaria generale Cgil Imola, Mirella Collina.

“Attacco alla Cgil di Imola”
Nella notte abbiamo subito da parte di ignoti un atto di vandalismo contro la nostra Camera del Lavoro, con connotati politici e valoriali. Infatti, non è il danno di per sè a destare preoccupazione, anche se non bisogna sottovalutare questo aspetto, ma soprattutto l’attacco ai valori intrinseci della bandiera della pace, che hanno con forza sottratto dalla bacheca frantumata sulla via Emilia. Attaccare la Cgil vuol dire attaccare il simbolo della democrazia e l’aver sottratto la bandiera della pace è ancora più preoccupante perchè è il simbolo della non violenza sotto ogni punto di vista. Nello Statuto sono sanciti i nostri valori: “La Confederazione generale italiana del lavoro (Cgil) è un’organizzazione sindacale generale di natura programmatica, unitaria, laica, democratica, plurietnica di donne e uomini. Ripudia e combatte ogni forma di molestia, discriminazione e violenza contro le donne e per orientamento sessuale ed identità di genere. Ripudia fascismo e razzismo, sostiene i valori e i principi di legalità e contrasta con ogni mezzo le associazioni mafiose, terroristiche e criminali.”
Nella stessa notte anche all’Anpi di Imola è stata trafugata la bandiera dei partigiani, il che ci fa pensare ad un gruppo organizzato di persone che premeditatamente hanno voluto attaccare i valori del sindacato e dell’antifascismo. Un attacco vile che non ci farà sicuramente arretrare, anzi ci rafforza nei nostri intenti e valori.

Mirella Collina
Segretaria Generale
Cgil Imola