Un gran bel risultato quello delle elezioni regionali di ieri, uno scarto inatteso tra Bonaccini e Borgonzoni, la coalizione di centro sinistra che prende più voti di quella di centro destra, il Partito Democratico che torna a essere il primo partito in regione scavalcando la Lega.

Passaparola saluta il risultato con grande soddisfazione: si apre una nuova legislatura e molto c’è da fare, ma con quella continuità istituzionale e politica che avevamo auspicato e che segna un cammino importante.

Bravissimo Stefano Bonaccini, una campagna elettorale davvero straordinaria; importante il contributo delle “sardine” che hanno contribuito a risollevare energie sopite in un lungo letargo e data una mano significativa ad accrescere l’affluenza al voto, ma anche a ritrovare e riconoscersi in alcune coordinate fondamentali dall’antifascismo, al no al razzismo e ai neo-nazionalisti di ritorno: i nostri valori fondanti.

E poi tutti noi, che ci abbiamo messo la faccia in modo vario e articolato, senza timore di perdere per questo la nostra autonomia, ma con la consapevolezza della posta in gioco e con la responsabilità di esserci.

Dispiace che in Cgil ci sia chi ha remato contro corrente: ci hanno perfino detto che facevamo “marchette” per Bonaccini… ebbene sì, abbiamo fatto marchette e per fortuna. E abbiamo vinto e abbiamo posto un argine al salvinismo e ai Naomo e abbiamo riaperto una speranza e una possibilità. E ne siamo molto fieri.

Bologna, 27 gennaio 2020