In occasione delle celebrazioni del 70° anniversario della Resistenza, l’Istituto Alcide Cervi di Reggio Emilia e l’Istituto per i beni artistici, culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna (IBC) promuovono una rassegna d’arte comprendente pitture, sculture, opere grafiche ispirate all’eccidio dei sette Fratelli Cervi e di Quarto Camurri, alla figura di Papà Alcide ed alla vicenda di Casa Cervi, dal titolo “I CERVI: UNA STORIA CHE RESISTE. Arte per un museo della coscienza” che verrà inaugurata il 28 dicembre 2013 al Museo Cervi di Gattatico (RE) nella giornata del ricordo dell’eccidio dei fratelli.

L’occasione si presenta come un momento importante per far conoscere e divulgare il patrimonio figurativo già conservato presso il Museo Cervi, ma anche per proseguire e sviluppare l’indagine ricognitiva in ambito reggiano, su scala territoriale regionale e nazionale, al fine di realizzare un archivio iconografico legato appunto alla tragica vicenda che ha coinvolto la famiglia Cervi.

La prima fase di ricerca ha già permesso di individuare interessanti presenze diffuse in ambito regionale, come nel caso ad esempio del “Ritratto di Papà Cervi” di Aldo Borgonzoni al Csac di Parma, o della grande composizione pittorica di Nello Leonardi alla Scuola Media di S. Ilario d’Enza o di “Ultimo bacio” di Mario Bortolani di proprietà del Comune di Reggio Emilia.

“Riteniamo che un impegno corale – scrive un comunicato del Museo Cervi –  che veda coinvolti non solo enti pubblici, istituzioni museali e bibliotecarie, strutture associative culturali e sociali della nostra regione, ma anche studiosi, cultori d’arte e collezionisti privati, possa validamente contribuire al raggiungimento dell’obiettivo che ci siamo proposti, sia in relazione all’evento espositivo, che per la realizzazione del già citato archivio iconografico”.

“La richiesta che gentilmente rivolgiamo a tutti è di informarci dell’esistenza di opere afferenti al tema dell’eccidio dei sette Fratelli Cervi e più in generale alla vicenda e alla memoria della famiglia Cervi. Sarà nostra cura contattarvi per raccogliere maggiori notizie circa le opere eventualmente segnalate”.

Nella foto un murales realizzato a Campegine presso il casello dell’autostrada dal Collettivo FX, un gruppo di giovani artisti reggiani che contribuirà alla mostra con una speciale opera realizzata ex novo.

Per informazioni e segnalazioni:
tel 0522 678356 – fax 0522 477491 – museo@fratellicervi.it