(N. B. Questo numero è stato chiuso alcune settimane prima della scomparsa del nostro Segretario Generale. Dedicheremo ampio spazio a Bruno Pizzica sul prossimo numero di Argentovivo, oltre che sulle pagine nazionali di Liberetà e su La Spinta, il mensile dello Spi-Cgil Bologna)

– L’8 MARZO AI TEMPI DEL COVID (di Marzia Dall’Aglio, segretaria Spi-Cgil regionale e responsabile coordinamento donne Spi-Cgil ER)
Le ripercussioni della pandemia sulla condizione femminile sono state profonde. L’emergenza sanitaria si somma a quella economica e lavorativa: ecco perché sono importanti le battaglie sulla parità salariale e la nostra lotta per una legge sulla non autosufficienza

– NEL NOME DELLE DONNE (di Marco Sotgiu)
Anna Fini, figura storica del sindacato emiliano-romagnolo, ci racconta la storia delle bandiere cucite dalle ragazze nel dopoguerra unendo pezze di stoffa con sopra ricamato il proprio nome, Una tradizione, oggi perduta, nel nome della Pace

– NON MOLLARE MAI
È questo il messaggio che vuole trasmetterci con forza un’altra delle figure importanti del sindacato emiliano-romagnolo, Liviana Branchini. Sulle battaglie per i diritti delle donne serve un impegno costante e uno sforzo raddoppiato

– C’ERANO UNA VOLTA LE BRACCIANTI

– I VACCINI IN EMILIA-ROMAGNA (conversazione con Daniela Bortolotti, segretaria regionale Spi-Cgil ER)
Chi e quando si vaccinerà contro il Covid-19, come potremo prenotarci, quali sono state finora le scelte nazionali e locali. Facciamo il punto su cosa sappiamo sulla campagna vaccinale, che già oggi ci dà un orizzonte di speranza rispetto alla fine della pandemia

– UNA LEGGE CONTRO IL FASCISMO (nota della segreteria regionale Spi-Cgil ER)
Spi e Cgil sostengono con convinzione la proposta di legge popolare del sindaco di Stazzema che vieta la propaganda e i simboli fascisti e nazisti

– MODENA NON VUOLE DIMENTICARE
È online la mostra sull’eccidio di operai del 9 gennaio 1950

– LO SPI C’È… ANCHE PER I NOVANTENNI (di M. Giovanna Madrigali, Spi-Cgil Cesena)
A Cesena, nonostante la pandemia, si rinnova la tradizione di festeggiare con una pergamena i pensionati e le pensionate novantenni e centenari. Un modo concreto per dare un senso a valori come solidarietà e partecipazione

CON LE ILLUSTRAZIONI DI GIANMARIO TAURISANO

Le pagine di Argentovivo

N. 3 – marzo 2021